Home » ambiente » Inaugurato il progetto di riqualificazione ambientale delle alzaie del Naviglio Grande di Milano

Inaugurato il progetto di riqualificazione ambientale delle alzaie del Naviglio Grande di Milano

Pin It

Si è svolta oggi a Milano l’inaugurazione del progetto di riqualificazione ambientale promosso da LifeGate, in collaborazione con il Consorzio Est Ticino Villoresi, che coinvolge le alzaie del Naviglio Grande di Milano. All’inaugurazione hanno partecipato Simone Molteni, Direttore Scientifico di LifeGate, Alessandro Folli, Presidente del Consorzio Est Villoresi, Roberto Albetti, Presidente di ERSAF e i rappresentati delle aziende sponsor.

L’intervento di riqualificazione, promosso da LifeGateConsorzio Est Ticino Villoresi è stato reso possibile grazie al contributo di alcune realtà private che hanno deciso di investire sul territorio milanese. Hanno contribuito al progetto il Gruppo Davines e Terna S.p.a (Main Sponsor), Ales Groupe Italia, il Festival MITO SettembreMusica (Sponsor) e CHEP ITALIA srl. Partner istituzionali, oltre al Consorzio Est Ticino Villoresi, anche ERSAF e la onlus ICEI.

 

L’intervento di oggi rappresenta solo il primo passo di un progetto di riqualificazione più ampio che, attraverso il coinvolgimento di sponsor privati, si propone di realizzare una strada verde che colleghi la città di Milano ai Parchi Regionali della Valle del Ticino e dell’Adda.

 

L’intervento riguarda un tratto di circa 1 chilometro del Naviglio Grande di Milano. L’area verrà riqualificata con la rimozione di rifiuti e di specie infestanti presenti e la piantumazione di essenze arbustive autoctone per la definizione del nuovo fronte urbano del Naviglio Grande. In particolare, verranno messe a dimora oltre 700 piante, differenti specie arbustive autoctone tra cui biancospino, viburno opalo, ligustro, prugnolo, sanguinello, rosa canina, con un apparato radicale contenuto e poco invasivo. Un intervento importante sia per la popolazione locale, che potrà riappropriarsi di un’area caduta in degrado, sia per l’intera Città di Milano che, in ottica Expo 2015, vedrà nel Naviglio una delle proprie arterie strategiche. Al termine dei lavori seguiranno interventi puntuali dimanutenzione e cura dell’area.

 

“In un periodo di crisi come quello attuale, la collaborazione pubblico-privato diventa importante per finanziare questo genere di interventi e migliorare le nostre città – spiega Simone Molteni, Direttore Scientifico di LifeGateper questo motivo ringraziamo le aziende che hanno sostenuto questo progetto e gli enti coinvoltiE’ fondamentale – conclude Molteni – che tali iniziative rientrino all’interno di una pianificazione strategica del territorio più ampia che renda i singoli interventi organici tra loro e coerenti con una visione d’insieme. Questo è un esempio virtuoso proprio perché pensato fin dall’inizio per l’intero sistema dei Navigli.”

 

Come giustamente sottolineato dal direttore scientifico di LifeGate Molteni – dichiara Alessandro Folli, Presidente del Consorzio Est Ticino Villoresisi tratta di un rappresentativo esempio di collaborazione pubblico-privato, con l’obiettivo di procedere nel più ampio programma di riqualificazione e recupero delle alzaie e delle aree di pertinenza, il tutto all’interno del Sistema NavigliQuesto progetto – prosegue Folli – vede concretamente l’avvio di una serie di opere, considerate minori solo dal punto di vista economico, nell’ambito del Piano delle Vie d’Acqua per Expo. Un lavoro concreto verso l’appuntamento del 2015 che trova il Consorzio Est Villoresi fortemente impegnato per rendere fruibile tutto il sistema dei canali e delle vie d’acqua che dalle Dighe di Panperduto si propaga lungo i Navigli, il Villoresi fino al sito di Expo, per poi raggiungere la Darsena in Milano. Un grande anello verde/azzurro che darà valore aggiunto alla manifestazione Espositiva Universale.”

“Il supporto di Terna a questo progetto – spiega Fulvio Rossi, responsabile CSR di Terna Spa, il principale operatore di trasmissione dell’energia elettrica in Italia  si inserisce nel quadro dell’impegno verso l’ambiente e per il contrasto del cambiamento climatico. Da tre anni aderiamo al progetto Impatto Zero® di LifeGate per compensare le emissioni di CO2 generate dalla produzione dei nostri strumenti di comunicazione contribuendo ad interventi di riforestazione in Paesi in Via di Sviluppo e di riqualificazione ambientale legati alla nostra presenza sul  territorio. Dopo la piantumazione nella Valle dell’Aniene, di fronte alla sede romana del Gruppo, l’intervento sul Naviglio si collega idealmente  all’apertura della nuova sede di Milano lo scorso anno, fornendo un nuovo riscontro tangibile del nostro impegno per la sostenibilità in tutto ciò che realizziamo.”

 

La sostenibilità, la qualità della vita sono valori aziendali che crediamo sia fondamentale vivere non solo nel contesto lavorativo: sono la linfa del futuro. – afferma il Dott. Paolo Braguzzi, Amministratore Delegato del Gruppo Davines Comfort ZonePer questo abbiamo coinvolto clienti professionali e finali in tutta Italia, che con grande entusiasmo e impegno hanno partecipato per tradurre una nobile idea insieme a noi e LifeGate in progetti concreti, in contributi visibili. Ora l’impegno è estendere quest’iniziativa anche nei tanti paesi stranieri nei quali operiamo.”

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.





© 2014 IlSostenibile.it · Designed by laboratoridigitali.com
UA-15616680-1 Fatal error: Call to undefined function thisismyurl_popularity_getpr() in /htdocs/public/www/wp-content/plugins/popularity-stats/popularity-stats.php on line 486